I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

 

 Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali e Socio-Sanitari
Viale Pacinotti 11 - 51100 Pistoia (PT)  - ptrc010007@istruzione.it - Pec: ptrc010007@pec.istruzione.it - Tel. 0573/25193  /25194 

Si sono da poco conclusi i colloqui preliminari organizzati dall’istituto professionale Einaudi con i neo iscritti alle classi prime e con le loro famiglie. Potrebbe sembrare una notizia di pura routine scolastica. Al contrario, a partire da quest’anno, la relazione con i nuovi iscritti è stata impostata in maniera del tutto nuova, secondo la volontà dei docenti, stretti attorno al team di miglioramento dell’istituto, loro diretta espressione .

I colloqui non sono stati impostati in vista dell’acquisizione di dati più o meno formali sui nuovi iscritti, ma sono stati aperti alla dimensione del raccontarsi, del raccontare e dell’ascoltare racconti. Questa funzione affabulatrice è stata svolta dal dott. Luca Capiluppi, formatore, orientatore, motivatore, che ha messo le proprie competenze a disposizione dell’istituto “L. Einaudi” di Pistoia per modulare secondo cadenze nuove la relazione studenti-scuola, nel passaggio, comunque difficile, dalla media inferiore a quella superiore.

In questo modo, i nuovi arrivati non si sono trovati di fronte ad un mero atto istituzionale, ma hanno percepito la presenza di un “tu” che intendeva aprirsi al loro “io”, con la preoccupazione principale  di farsi carico dei loro bisogni, dei loro dubbi e delle loro aspettative, prenderle sul serio e farne sostanza di una relazione stabile e duratura.  

Da parte dei piccoli-grandi interlocutori è stata molto apprezzata non solo la capacità del dott. Capiluppi di “personalizzare” la relazione scolastica, ma anche la sua chiara intenzionalità di porsi come punto di riferimento stabile all’interno di una catena di incontri successivi che sono stati annunciati lungo tutto il percorso scolastico dei nuovi studenti dell’”Einaudi”.

Il riscontro entusiastico delle famiglie è stata la migliore conferma che questa rinnovata modalità di accoglienza ha saputo cogliere nel segno.