I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

 

 Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali e Socio-Sanitari
Viale Pacinotti 11 - 51100 Pistoia (PT)  - ptrc010007@istruzione.it - Pec: ptrc010007@pec.istruzione.it - Tel. 0573/25193  /25194 

Gli uffici dell'Istituto durante il periodo estivo saranno aperti solo la mattina dalle ore 8.30 alle ore 13:30, da lunedì al venerdi.

I giorni sabato 28 Luglio, sabato 4 - 11 - 18 - e 25 Agosto la Scuola sarà chiusa.

La normale attività dell'Istituto riprenderà lunedì 3 Settembre.

Per qualsiasi altra informazione telefonare al n. 0573/25193 negli orari sopra indicati.

BUONE VACANZE

Il giorno giovedì 17 maggio 2018, le classi 1 A Sociale e 3 C Sociale dell’Istituto Einaudi, accompagnate dai docenti Felicia Costa, Fabio Fantoni, Lisa Giannini, Manuela Giardino, Santino Paladino e Andrea Ciappi, hanno svolto il viaggio di istruzione a Riola, paese della valle del Reno in provincia di Bologna, a due passi da Porretta Terme.

Gli alunni e i docenti hanno viaggiato in treno sino a Porretta, per poi avvalersi di un bus delle Fs per arrivare a Riola dove hanno potuto visitare la celebre Rocchetta Mattei, su uno sperone dei gruppi montuosi appenninici dove tra l’altro si trova un’area naturalistica protetta. Le due classi hanno potuto apprezzare il paesaggio durante la breve salita (circa 1 km) alla Rocchetta.

I volontari della Rocchetta hanno accolto le due classi ed hanno spiegato i significati della singolare costruzione, di stile moresco-medioevale ed eclettico realizzata nel XIX secolo sui resti di un antico castello.

In particolare, si sono soffermati sulla figura del committente della Rocchetta: si tratta di Cesare Mattei nato a Bologna l'11 gennaio 1809 da famiglia agiata. Fu sin da giovane a contatto con i massimi pensatori dell'epoca come Paolo Costa, Marco Minghetti, Antonio Montanari e Rodolfo Audinot.

Come spiega l’informazione ufficiale della Rocchetta, Cesare Mattei ricevette il titolo di Conte nel 1847 da papa Pio IX a fronte di una donazione terriera a Comacchio: era la fortezza di Magnavacca (oggi Porto Garibaldi, sull’Adriatico), che avrebbe aiutato lo Stato Pontificio a fermare l'avanzata austriaca.

Nel 1844 Cesare Mattei perse la madre per malattia, cosa che lo provò duramente, sino a criticare la medicina ufficiale e cercare un sistema di medicina “alternativa”. Nel 1850 acquistò i terreni dove sorgevano le rovine dell'antica rocca di Savignano e il 5 novembre dello stesso anno pose la prima pietra del castello che avrebbe chiamato "Rocchetta", dove si stabilì definitivamente a partire dal 1859 pare dirigendone personalmente la costruzione.

Qui cercò di sperimentare questa nuova medicina, e soprattutto - essendo un grande intellettuale ed illuminato - arricchì gli ambienti di simboli attinenti a varie culture e alle tre religioni monoteiste.

Questa fattispecie è stata oggetto di interesse da parte degli alunni, trattandosi di classi apertamente “interculturali”. Gli alunni hanno seguito la lunga spiegazione con molta attenzione, visitando tutti gli ambienti della Rocchetta.

Dopo di che, tornati con breve escursione a piedi nel fondovalle, è stato possibile visitare la chiesa di Santa Maria Assunta a Riola, opera contemporanea dell’architetto Alvar Aalto, di grande interesse per le soluzioni d’avanguardia ma in linea con gli aspetti naturali del luogo: l’opera indica un’umanità in movimento, così come le acque del vicino fiume Reno e così come la natura che “muove” sempre, come partecipazione, verso Dio.

Concetti che, se vogliamo, non sono poi così distanti da certi simbolismi della sovrastante Rocchetta.

Uno dei docenti, per agevolare la visita alla chiesa, ha distribuito agli alunni copie della spiegazione.

Dopo di che, gli alunni hanno potuto consumare i loro pasti e divertirsi un po’ sulle rive del fiume e sul piazzale di Riola.

Prima del treno di ritorno, è stato possibile visitare anche il centro storico di Porretta Terme.

Le classi hanno lasciato Pistoia la mattina alle 8,23 dopo regolare appello a scuola, ed hanno fatto ritorno a Pistoia alle 19,20 circa.